Categoria: News

ora solare

Arrivederci ora legale! Torna l’ora solare

Nella notte tra sabato e domenica abbiamo spostato le lancette dell’orologio indietro di un’ora, facendo così scattare l’ora solare. Però il nostro orologio biologico necessita di più giorni per adattarsi a un così minimo cambiamento. Nell’immaginario collettivo si pensa che dormire un’ora in più sia un fatto positivo in cui a guadagnarci è il nostro riposo e la nostra salute. In realtà lo è ma solo da un punto di vista psicologico.

Scopri come proteggere la tua abbronzatura

Siete stati in vacanza ma siete già in ufficio e non volete perdere la vostra tintarella estiva? Semplice, per fare durare più a lungo l’abbronzatura basta seguire un’alimentazione appropriata e munirsi di creme idratanti. I cibi migliori per mantenere l’abbronzatura sono i frutti e le verdure colorate ricchi ad esempio di carotene, una sostanza giallo-arancione presente soprattutto nelle carote.

Tiroide: meglio prevenire che curare

La tiroide è la ghiandola endocrina preposta alla sintesi e alla secrezione degli ormoni tiroxina (T4) e triiodotironina (T3), che hanno nello iodio un elemento strutturale essenziale. Nell’adulto gli ormoni hanno importanti effetti sulla regolazione del metabolismo basale, sull’apparato cardiovascolare, sul metabolismo lipidico e glicidico, e sul metabolismo osseo e svolgono un ruolo centrale nello sviluppo nervoso e scheletrico del feto e del bambino.

Il morbo di Parkinson

E’ dal 1997 che l’11 aprile di ogni anno si celebra la giornata Mondiale del Parkinson a cura dell’Epda (l’Associazione europea per la malattia di Parkinson), e il motivo è semplice: l’11 aprile del 1775 nacque il medico James Parkinson, cioè colui che identificò per primo i sintomi del famoso morbo di Parkinson, malattia neurodegenerativa. L’obiettivo della giornata del 2013 è la conoscenza; far capire meglio questa patologia con i suoi sintomi e saperla riconoscere.

Perdere 40 chili in un anno come Amanda

La ragazza che vedete nelle foto si chiama Amanda. Fino a un anno fa si può dire che non era una ragazza magra, pesava circa 100 kg. Ora pesa 40 kg in meno! Questo grazie alla dieta chetogenica, una dieta basata sul presupposto che un’alimentazione ricca di proteine e lipidi, e nel contempo molto povera di carboidrati, mantenga costanti i livelli di insulina evitando l’accumulo di grasso e favorendo il suo utilizzo a scopo energetico.

This site is protected by wp-copyrightpro.com